corpus informatico belloriano legenda
linee non attive frequenze non attive
opere
indici
ricerca
info
home
il corpus belloriano
L'Historia Augusta da Giulio Cesare a Costantino il Magno, illustrata con le verità dell'antiche medaglie da Francesco Angeloni
  

Alessandro Severo

  

Citazione: Angeloni, FrancescoDilettòssi Alessandro di Astrologia, di Geometria, di Pittura, di Musica, e di Sonare, e fu

  

bene instrutto nelle lettere Greche, e Latine. Teneva nelle sue Stanze, tra le altre, l'effigie

  

di Christo Salvatore, e lasciò, che li Christiani, e li Giudei vivessero secondo le leggi loro.

  

Fu affabilissimo, e famigliare con ciascuno, e dilettòssi della Caccia: ma non perciò lasciava,

5 

che patissero i fatti della Republica. Si propose, come si è detto, d'imitare Alessandro il

  

Magno, e lo superò nel fuggire, e nel vincere i vitii, a' quali si vide dalla natura inclinato:

  

la onde essendosi ciò ben compreso in Roma, e fuori, io stimo, che si volesse però rappre-

  

sentare la virtù di esso nel medaglione, con testa di Alessandro ornata del teschio Leonino,

  

6. e co'l solo nome: Citazione: Iscrizioni monete latino ALEXANDER; Citazione: Angeloni, Francesco contiene nel rovescio l'Imperadore a Cavallo armato di co-

10 

razza, il quale spronando il Cavallo, ferisce con la lancia un Mostro, che le si fa incontro,

  

co'l capo di Leone, il ventre di Capra, la coda di fiero Drago, e che gitta fiamme dalla boc-

  

ca; il qual mostro inteso per la Chimera, si tiene, che rappresenti una certa moltiforme varie-

  

tà di vitii; e così combattuto dalla virtù di Alessandro perde nel tutto il vigore, restando af-

  

fatto estinto il velenoso fuoco, di cui sogliono i vitii incendere gli animi humani. Cotal me-

15 

daglione, che non dee riporsi fra gli ordinari, Precedenti Collocazioni, Collezione Valenti G.Battista mi fu mandato, con altre medaglie d'argento,

  

dal Signor Gio. Battista Valenti da Trevi, che per molti anni esercita, con sua laude, il carico

  

di Avvocato Fiscale per la Camera Apostolica in Napoli, e suo regno; la cui virtù ho sempre

  

osservata, invitatovi dal suo merito, e dall'affetto portatomi da tutta la sua Casa.

  

Mostrossi Alessandro modestissimo nel vivere, e nel vestir suo, facendo l'uno, e l'altro par-

20 

camente: ma ben fu liberale in ciò, che toccava il bisogno del publico, et quello etiandio

  

de' privati, e nel ricever forestieri, e nel mantenere i Tempii, e nel far riparare le fabriche per

  

le Città dell'Imperio; nel quale mantenne per lungo tempo, con la sua prudenza, la pace.

  

E benché io giudichi, che per tante virtù, ch'egli hebbe, molte memorie ne restassero in va-

  

rie guise a gloria di lui; per dimostrare nondimeno la pace suddetta, Monete e medaglie, Medaglia di Alessandro Severo si vede la medaglia con

25 

testa laureata, e titoli: Citazione: Iscrizioni monete latino IMP. CAES. M. AUR. SEV. ALEXANDER AUG. Citazione: Angeloni, Francesco ha nel rovescio una Donna

  

con vestir lungo, ma assai leggiero, in atto di velocemente caminare: porta nella sinistra la

  

verga, e nella destra un ramoscello d'olivo, con parole: Citazione: Iscrizioni monete latino PAX AUGUSTI S. C. Citazione: Angeloni, Francesco conforme appunto

  

si è veduta in Caracalla.

  

Fu Alessandro benefico, e virtuoso, et oltre modo zelante della Giustitia; si mostrò fauto-

30 

re de' Christiani: tolse gli abusi, et introdusse costumi buoni: ma tante hebbe in sé delle vir-

  

tù, che il raccontarle per appunto è qui soverchio; massimamente, che il simbolo di esse, e

  

la stima, in cui l'havevano il Senato, e 'l Popolo, si raccoglie dalla medaglia con testa cinta

  

d'alloro, e lettere: Citazione: Iscrizioni monete latino IMP. CAES. M. AUR. SEV. ALEXANDER AUG. Citazione: Angeloni, Francesco dimostra nel 7. rovescio lui mede-

  

simo in piedi, armato con la Clamide, tenendo in una mano l'hasta, nell'altra il globo del

35 

mondo, leggendovisi: Citazione: Iscrizioni monete latino PONTIF. MAX. TR. P. IIII COS. P. P. S. C. Citazione: Angeloni, Francesco

  

8. In altro modo rappresentarono la virtù di Alessandro; peroché entro una medaglia con

  

testa, e lettere descritte, sta una figura armata d'usbergo, e di celata, con l'hasta nella destra,

  

e'l Parazonio nella sinistra mano, posando il destro piede sopra di un elmo, e v'è notato: Citazione: Iscrizioni monete latino PON-

  

TIF. MAX. TR. P. VII COS. II P. P. Citazione: Angeloni, Francesco nel qual modo soleva figurarsi la Virtù.

40 

Trovasi ad honore di Alessandro un'altra 9. medaglia con testa laureata, e lettere: Citazione: Iscrizioni monete latino IMP. ALE-

  

XANDER PIUS AUG. Citazione: Angeloni, Francesco e con figura in piedi del tutto ignuda, fuori che descendendoli la Clami-

  

de dalla destra spalla, le copre con la sinistra il braccio; nella qual mano stringe una sferza;

  

mentre distende l'altra, et ha il capo ornato di Corona radiata, con inscrittione: Citazione: Iscrizioni monete latino P. M. TR. P. X

  

COS. III P. P.. Citazione: Angeloni, Francesco Simile figura stimo, che rappresenti il Sole, del quale egli da giovinetto fu Sa-

45 

cerdote, et insieme l'Oriente, ove indirizzò l'armi, e l'imprese.

  

Nell'undecimo anno dell'Imperio di Alessandro, mosse Artaserse Re dei Persi l'armi con-

  

tra Artabano Re de'Parthi, e lo vinse; et indi si dispose di occupare l'Assiria, e la Mesopo-

  

tamia soggette a'Romani: né valendo gli Ambasciadori mandatigli da Alessandro per rimo-

  

vernelo; adiratosene l'Imperadore, dispose l'armi per reprimerlo. Questa attione, giudico,

50 

10. che rappresentasse il Senato nella medaglia, che con testa laureata, e lettere: Citazione: Iscrizioni monete latino IMP. ALEXAN-

  

DER PIUS AUG. Citazione: Angeloni, Francesco ci dà a vedere Marte fiero nel sembiante, che havendo imbracciato con la sini-

  

stra lo scudo, abbassa con la destra la lancia in atto di voler investire l'inimico, e di andarlo

  

ad incontrare con velocità, leggendovisi: Citazione: Iscrizioni monete latino MARS ULTOR; Citazione: Angeloni, Francesco cioè Vendicatore: dimostra tal fi-

  

gura lo appressare dell'armi, che faceva l'Imperadore, per vendicare l'ingiuria recatagli da

< | pag. 228 | >

vai alla Pagina:

© 2000 | 2001 Cribecu - Scuola Normale Superiore di Pisa
Powered by Tresy © 2000 | 20001 Cribecu - Scuola Normale Superiore di Pisa