corpus informatico belloriano legenda
linee non attive frequenze non attive
opere
indici
ricerca
info
home
il corpus belloriano
Le Pitture antiche del sepolcro de Nasonii
  

Tavola VII

  

Citazione: Virgilio Marone, PublioIpse ubi tendentem adversum per gramina vidit

  

Aeneam alacris palmas utrasque tetendit.

  

E dopo Enea rivolto al padre, gli chiede affettuosamente la destra,

  

per abbracciarlo.

5 

Citazione: Virgilio Marone, Publio......Da iungere dextram,

  

Da genitor, teque amplexu ne subtrahe nostro.

  

E egli è vero che Enea, tre volte invano distese le braccia per abbrac-

  

ciare il Padre

  

Citazione: Virgilio Marone, PublioTer conatus ibi collo dare brachia circum,

10 

Ter frustra comprensa, manu effugit imago,

  

Par levibus ventis, volucrique simillima sommo

  

Imperoché, se bene il Poeta attribuisce all'Anime prive di corpo attio-

  

ni et qualità corporee, contuttociò in quanto la sostanza et gli effetti,

  

le considera come vane ombre e sogni e simili a i venti. Nella qua-

15 

le fintione Virgilio imitò l'Homerico Ulisse, che volendo abbracciare

  

l'Ombra di Anticlea sua madre, tre volte gli fuggì di mano. Ma Dante

  

più poeticamente nel suo Inferno, formando lo spirito di Virgilio, fin-

  

ge che veramente et realmente gli tocchi la mano, senza illusione di

  

ombre et d'imagini vane.

20 

Citazione: Alighieri, DanteEt poiché la sua mano a la mia porse

  

Ma era tanto stabile la credenza de gli Antichi e tanto ferma la spe-

  

ranza di quelli, che si amavano, haverli a ritrovare, vivere et conversar

  

di nuovo insieme negli Elisi felicemente, che, come riferisce Platone

  

nel Fedone, molti spontaneamente vollero morire, sperando di rive-

25 

dere et conversare con quelli stessi, che amarono in vita: Citazione: Platone Multi cum

  

sponte voluerunt ad Inferos proficisci, sperantes eos ibi visere, cum eisque

  

versari, quos amaverunt.

  

Quanto il Giovine, che porta le vivande, ci rammenta il costume

  

di recare il cibo a Morti et di placare gli Dei Mani; et dal portare i

30 

cibi al sepolcro derivarono i sacrifici chiamati feralia , secondo quel luo-

  

go vulgato di Varrone: Citazione: Terenzio Varrone, Marco Feralia ab Inferis, et a ferendo, quod ferunt

  

tunc epulas ad sepulcrum, quibus ius ibi parentare. Onde li medesi-

  

mi Sacrifici da tale ufficio de'Parenti si chiamarono ancora Parentalia.

  

Credevano che quelle vivande fossero grate a' loro Defonti et che se

35 

ne cibassero et ancorché abbruciate pervenissero ad essi et ne usassero

  

nell'altra vita; ma se ne ride molto Luciano nel suo Dialogo intitolato

  

De Luctu, ove introduce un figliuolo morto, il quale riprende il padre di

  

tal costume, ornando l'ara di corone e spargendovi, vino con

  

ardervi ne' Parentali delicatissimi cibi et odori Citazione: Luciano di Samosata Quid autem saxum, quod

40 

sepulcro imponitur coronis ornatum? aut quid valet quod merum in-

< | pag. 029 | >

vai alla Pagina:

© 2000 | 2001 Cribecu - Scuola Normale Superiore di Pisa
Powered by Tresy © 2000 | 20001 Cribecu - Scuola Normale Superiore di Pisa